Come attrarre traffico dai motori di ricerca gratis

Come attrarre traffico dai motori di ricerca gratis

Portare traffico al proprio sito mediante i motori di ricerca, in particolare Google e Bing, è un obiettivo molto ambito dai più. Ma come si fa a fare questa operazione? I bravi SEO sanno rispondere, ma altri (non che siano meno bravi, s’intende) potrebbero avere qualche dubbio: cosa c’è di meglio se non rinfrescarsi la memoria, a questo punto?

Vediamo quindi 5 strategie per attrarre traffico gratuitamente dai motori di ricerca.

Registra il tuo sito sulla Search Console

Una volta si sarebbe detto di inviare l’URL a Google mediante un vecchissimo pannello, tuttora attivo ma mai aggiornato: nel 2020, ovviamente, tutti i SEO sanno bene che registrare il proprio sito sulla Search Console di Google è il primo passo per iniziare a capire un po’ di cose sul nostro sito web. Come lo “vede” Google? Quali sono le parole chiave per cui potremmo posizionarci? Cosa dobbiamo migliorare tecnicamente nel nostro sito web? La Search Console di Google è, senza dubbio, un ottimo punto di partenza in tal senso.

Scrivi dei guest post

Questa tecnica rientre nelle strategie SEO e, in genere, in molti sono convinti di saperla fare: di fatto, solo in pochissimi riescono davvero a costruire delle strategie di guest posting davvero efficaci. Il guest post è un articolo con un link al nostro sito che si pubblica su un sito ospite, il quale accetta di darci spazio, ovviamente. Ma non finisce qui: il guest post deve essere di interesse per il blogger che ci ospita, deve portargli traffico – e questo perchè di conseguenza quel traffico, in parte, finirà su quel link.

Ottimizzare il proprio guest post è fondamentale lato SEO sia per il sito ospitante che per quello ospitante, e solo dal beneficio di entrambi si potranno ottenere i migliori risultati in termini di traffico da Google.

Linkare il proprio sito mediante forum di settore

Soprattutto se il vostro sito possiede una valenza informativa molto rilevante, e si incentra suprodotti annessi ad un’arte, ad una tecnica oppure ad un mercato di nicchia, inserire delle referenze (dei link nofollow o dofollow, vanno bene in egual misura entrambi) all’interno dei forum e partecipare ad una community può fornire una visibilità “di riflesso” estremamente marcata. In questo ovviamente, gioca un ruolo fondamentale il rispetto delle netiquette del sito, l’equilibrio nel numero di backlink che inserite (se postate solo per linkare, sarete facilmente bannati), lo spirito con cui, in generale, andrete a utilizzare quel forum: uno strumento di condivisione, divulgazione e conoscenza non ufficiale, da utilizzare con attenzione e con grande cura.

Potete fare la stessa cosa, in effetti, sfruttando in maniera oculata community di curiosità e domande online come Quora, che ha di fatto preso il posto di Yahoo! Answers utilizzato attivamente a questo scopo fino a qualche annetto fa. Rispondendo alle domande di Quora, potrete (nel medio lungo periodo) guadagnare qualcosa per il tempo che ci avete impiegato: pagamenti sicuri via PayPal!

Fornire informazioni utili ai lettori (siti verticali)

Il web è fatto prevalentemente da persone che, prima di voler comprare, stanno cercando informazioni: ed uno dei punti cardine della SEO, in effetti, è proprio focalizzare questi bisogni attraverso la keyword research (ricerca di parole chiave interessanti per il nostro sito). Bisogna quindi chiedersi: quali sono le parole chiave che meglio corrispondono ai bisogni informativi dell’utente? E dopo averle individuate, che cosa possiamo fare?

La risposta è molto semplice: fornire informazioni utili a chi le cerca, quindi provare ad immaginare gli articoli e le pagine che andremo a pubblicare nel nostro sito web come approfondimenti tematici o, detta in maniera ancora più diretta, risposte alle domande poste dagli utenti. Esistono diversi portali, a ben vedere, in tal senso: ad esempio Slotgallinaonline.it risponde esattamente a questo modello di sviluppo dei contenuti. In molti casi, ad esempio, possono sfruttare il rich snippets per le FAQ molto in voga da quest’anno, noto come FAQPage. Si noti come, in genere, non è per forza necessario creare un portale di contenuti come FAQ, news ed articoli: si possono creare anche pagine web con widget interessanti, giochi online, simulatori, quiz e così via.

Usa le immagini ed i video

Non tutti i settori permettono di fare questo, ma postare dei video e  linkare il proprio sito nella descrizione su Youtube, ad esempio, è una strategia decisamente efficente per portare traffico. Se saprete farlo e saprete generare interesse, il traffico continuerà ad arrivarvi soprattutto nel lungo periodo. Per ottenere i risultati migliori in questo ambito, potete pensare di rivolgervi a qualche Youtuber professionista che vi dia parte della sua visibilità.

E per le immagini? Ottimizzare le immagini per Google Images segue sempre i soliti dettami della SEO: usare nomi di immagine significativi, usare il tag alt, contestualizzare le immagini e sfruttare la distribuzione delle parole chiave dove e quando possibile, senza esagerare. C’è una cosa in più da sapere, oggi: Google è in grado di leggere anche il testo dentro le immagini, cosa che fino a qualche anno fa non era in grado di fare. Quindi sfruttate questa possibilità anche nel vostro sito, ed un po’ di traffico da Google Immagini potrebbe arrivarvi.

 

1 voto


Informazioni sull'autore

Redazione

Articolo scritto in collaborazione con Trovalost.it