Smettere di sbagliare: debiasing per principianti

Argomenti:
Pubblicato il: 18-06-2021 14:27 , Ultimo aggiornamento: 18-06-2021 14:28

Il debiasing è un processo attraverso il quale si riduce l’influenza dei pregiudizi cognitivi, generalmente con l’obiettivo di aiutare le persone a pensare in modo più razionale e ottimale. Il debiasing è in altri termini la riduzione del pregiudizio, in particolare per quanto riguarda il giudizio e il processo decisionale. Il giudizio parziale e il processo decisionale sono ciò che si discosta sistematicamente dalle prescrizioni di standard oggettivi come fatti, logica e comportamento razionale o norme prescrittive. Il giudizio parziale e il processo decisionale esistono da sempre in settori di appartenenza molti diversi tra loro, come la medicina, la legge, la politica e gli affari, ma anche nella vita di tutti i giorni.

Fare debiasing significa, in altri termini, liberarsi quantomeno degli errori da pregiudizio o bias, in modo da potersi giocare al meglio le nostre opportunità negli ambiti succitati. È impossibile smettere di sbagliare e bisogna saper convivere coi propri errori: l’ottica deve essere quindi effettuata in un ambito di elasticizzazione del proprio pensiero.

A livello individuale, le persone che mostrano meno pregiudizi decisionali o bias vivono in ambienti sociali più intatti, riducono il rischio di ricorrere ad alcol e droghe, subiscono minori tassi di delinquenza infantile e possiedono, alla lunga, maggiore capacità di pianificazione e risoluzione dei problemi.

Che cos’è il debiasing

Il processo di debiasing può verificarsi all’interno di vari contesti: ad esempio, una persona può imparare o adottare strategie migliori con cui prendere giudizi e decisioni, sfruttando determinate strategie ed approcci. Il debiasing può verificarsi anche a causa di cambiamenti di fattori esterni, come la modifica degli incentivi rilevanti per una decisione o il modo in cui viene presa la decisione. Ci sono tre approcci generali per debiasing giudizio e il processo decisionale, e gli errori costosi con cui giudizio parziale e il processo decisionale è associato: modificare gli incentivi, fare nudging e formarsi. Ogni approccio ha punti di forza e di debolezza, ed andrebbe approfondito anche con l’aiuto di un esperto, nel caso.

SMSHosting Usa il codice PROMO per uno sconto sul primo acquisto: PRT96919

Debiasing è di solito realizzato attraverso l’uso di varie tecniche, il che può funzionare su qualsiasi numero e tipo di pregiudizi cognitivi. Ad esempio, quando si tratta di ridurre i pregiudizi cognitivi che ruotano la nostra tendenza a sottovalutare il modo in cui le opinioni di altre persone sono diverse dalla nostra, una tecnica di debiasing utile è visualizzare come una certa situazione appare dalla prospettiva di qualcun altro. Poiché l’influenza dei pregiudizi cognitivi è molto spesso pervasiva, e può indurre le persone a pensare e agire in modo irrazionale, è importante essere in grado di impegnarsi in un debiasing corretto e razionalizzato, senza ipervalutarne la portata nè sminuirla. Smettere di sbagliare è chiaramente impossibile, ed è un’esagerazione voluta del titolo: da quello che abbiamo visto, e da quello che sappiamo sull’uomo, è impossibile smettere di sbagliare. Ma sapere che esiste il debiasing scientificamente parlando può essere di grande aiuto, e supportare al meglio i nostri processi decisionali e giudizi nella vita di ogni giorno.

Breve introduzione ai pregiudizi o bias cognitivi

I pregiudizi cognitivi sono modelli sistematici di deviazione dalla razionalità, che si verificano a causa del modo in cui funziona il nostro sistema di apprendimento della realtà. Di conseguenza, i pregiudizi cognitivi possono renderci irrazionali nel modo in cui cerchiamo, valutiamo, interpretiamo, giudichiamo, usiamo e ricordiamo le informazioni che riceviamo, così come nel modo in cui prendiamo decisioni: essi influenzano ogni persona in una certa misura, nessuno escluso.

I seguenti sono esempi di alcuni modi specifici pregiudizi cognitivi possono influenzare noi:

  • I pregiudizi cognitivi possono influenzare il modo in cui formiamo impressioni di altre persone. Ad esempio, l’effetto alone è un pregiudizio cognitivo che fa sì che la nostra impressione di qualcuno o qualcosa in un dominio influenzi la nostra impressione di loro in altri domini. Questo pregiudizio può farci supporre che una persona sia informata e abbia una personalità interessante, semplicemente perché è attraente fisicamente.
  • I pregiudizi cognitivi possono influenzare il modo in cui acquisiamo informazioni. Ad esempio, “l’effetto struzzo” è un noto bias cognitivo che induce le persone a evitare informazioni che percepiscono come potenzialmente spiacevoli. Questo pregiudizio può farci evitare di andare dal medico, se crediamo che il medico avrà cattive notizie per noi, che non vogliamo affrontare.
  • I pregiudizi cognitivi possono influenzare il modo in cui prevediamo come sarà il futuro. Ad esempio, il pregiudizio pessimista è un pregiudizio cognitivo che ci fa sopravvalutare la probabilità che accadano cose brutte. Questo pregiudizio può indurci a supporre che stiamo andando a fare male su un esame, anche se ci siamo preparati accuratamente e con scrupolo.

Nota: il debiasing cognitivo è talvolta indicato anche con altri termini, come ad esempio cognitive bias mitigation, cognitive bias reduction, and cognitive bias inoculation.

Ma funziona davvero, il debiasing?

La ricerca mostra che il debiasing cognitivo funziona in alcuni casi, il che significa che l’uso di una formazione appropriata, interventi e tecniche di debiasing possa ridurre alcuni pregiudizi cognitivi, in certa misura e in alcune situazioni. Sembra che, sensibilmente con la personalità dei singoli, “l’allenamento” a pensare in modo più elastico e meno inclusivo possa aiutare, nel lungo periodo a raggiungere il benessere nelle varie situazioni che possono capitare.

Tuttavia, mentre il debiasing a volte può essere efficace, c’è una sostanziale variabilità nella sua efficacia e in alcune situazioni non sembrerebbe funzionare affatto. Ad esempio, uno studio ha esaminato il bias di ottimismo delle persone, quando si tratta di credere che il proprio rischio di soffrire di problemi di salute sia inferiore a quello degli altri. Nonostante i tentativi di correggere questo pregiudizio, i ricercatori hanno scoperto che il pregiudizio dell’ottimismo delle persone persisteva di fronte a vari interventi di debiasing in tal senso.

Ciò non significa necessariamente che ci siano forme di pregiudizio che non possano essere affatto mitigate, ed è possibile che diverse tecniche di debiasing rispetto a quelle esaminate nello studio possano aver funzionato. Il debiasing non è quasi mai un processo semplice, di fatto. Nel complesso, la ricerca mostra che il debiasing cognitivo funziona in alcuni casi, il che significa che l’uso di una formazione appropriata, interventi e tecniche di debiasing possa ridurre alcuni pregiudizi cognitivi, in una certa misura, in alcune situazioni. Tuttavia, vi è una sostanziale variabilità nell’efficacia del debiasing e un approccio debiasing che funziona bene in una situazione potrebbe fallire in un’altra.

Come fare debiasing

Il debiasing cognitivo pià efficace avviene generalmente attraverso un processo di crescita personale, piuttosto che mediante un singolo evento sporadico. In generale, questo processo comporta le seguenti fasi:

  • Consapevolezza. Diventa consapevole che un certo pregiudizio potrebbe essere attivato o è già stato attivato.
  • Decisione. Decidere di agire per ridurre il pregiudizio.
  • Analisi. Capire quando, dove, perché, e come il pregiudizio in questione è probabile che si verifichi.
  • Pianificazione. Sulla base delle informazioni dalla fase di analisi, identificare l’approccio debiasing ottimale da utilizzare e capire come esattamente sarà implementato.
  • Azione. Implementare l’approccio di debiasing pianificato.

Inoltre, è possibile aggiungere un ulteriore passo di valutazione alla fine, e valutare la situazione dopo l’azione, al fine di determinare l’efficacia del debiasing, e capire se eventuali modifiche devono essere apportate. Se necessario, questo può essere seguito da ulteriori analisi e pianificazione, che renderanno i futuri tentativi ancora più efficaci.

Ad esempio, si consideri una situazione in cui si potrebbe verificare l’errore di attribuzione fondamentale, che è un pregiudizio cognitivo che induce le persone a sottovalutare l’influenza dei fattori situazionali basati sull’ambiente sul comportamento delle persone e a sovrastimare l’influenza dei fattori disposizionali basati sulla personalità. Essenzialmente, questo pregiudizio può farti supporre che le azioni di altre persone siano meno influenzate dal loro ambiente di quanto non siano in realtà, e supporre che quelle azioni siano più influenzate dalla personalità di quanto non avvenga in realtà. Quando si tratta di debiasing l’errore di attribuzione fondamentale, dovresti prima perché consapevole di questo pregiudizio e della possibilità che potresti sperimentarlo, e poi decidere di agire per provare, quantomeno, a ridurlo.

Una volta fatto questo, dovresti analizzare la tua situazione per capire meglio questo pregiudizio, in termini di capire meglio come è possibile che ti influenzi. Potrebbe essere il caso, per esempio, che è molto probabile che si verifichi questo pregiudizio durante il tragitto al lavoro, verso altre persone che si incontrano lungo la strada, perché si tende a giudicare le loro azioni, anche se non si sa molto su di loro.

Infine, dovresti agire su questo piano e implementarlo nella realtà. Nel corso del tempo, puoi valutare ulteriormente quanto funziona e capire se ci sono modifiche che dovresti apportare. Ad esempio, potresti scoprire che in alcuni casi, una singola tecnica di debiasing non è sufficiente, e devi usarne una aggiuntiva, come ricordarti che altre persone potrebbero anche giudicare le tue azioni in modo inappropriato, nonostante non sappiano nulla di te.

Nel complesso, come per tutte le cose, per farle bene si dovrebbe generalmente impegnarsi nel praticare: è banale scriverlo, ma non c’è altro modo. In bocca al lupo, e non siate mai (aggiungo) troppo duri con voi stessi.

Photo by Tengyart on Unsplash

5/5 (1)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Smettere di sbagliare: debiasing per principianti di Max Headroom su Trovalost.it
Smettere di sbagliare: debiasing per principianti (Guide, Pensare)

Articoli più letti su questi argomenti:

Seguici su Telegram: @trovalost