Django: il CMS open source in Python

Che cos’è Django

Si tratta di un CMS open source scritto in Python, che richiede minore scrittura del codice rispetto al classico PHP e che si appoggia su framework eventualmente scritti in altri linguaggi. Il CMS Django presenta infatti struttura modulare e blocchi (simili a quelli di Drupal, per intenderci), librerie pronte ad essere integrate e già collaudate.

Siti famosi fatti in Django

Django è anche il nome del framework scritto in Python che è utile per farne uso e programmarlo a piacere, mentre molti siti famosi ne hanno fatto uso: Instagram versione web, ad esempio, ma anche il sito ufficiale di Mozilla e BitBucket.

Come funziona Django

Creato nel 2003, è una delle applicazioni più elaborate ed ambiziose in Python, e ne dimostra la sua ampia versatilità. Dal 2015 è un progetto sostenuto e finanziato dalla DSF (Django Software Foundation). Django CMS si basa sul modello di sviluppo denominato Model-View-Controller o MVC, il quale permette di mantenere separata la linea di codice dalla strutturazione dei dati e dalla vista web che viene presentata dagli stessi. Grazie a questo modello, progettista, programmatore e grafico web possono lavorare in sinergia per la creazione di CMS altamente personalizzati.

Più nello specifico, Django è costituito da un ORM (Object Relational Mapper) che realizza un “ponte” di collegamento tra le classi Python che fanno da “contenitori” o modelli di dati per il database relazionale, e poi fornisce gli strumenti per elaborare le richieste HTTP mediante un controller basato sulle regex. Sono inoltre inclusi nel framework principale:

  • un server web stand alone da usare per sviluppo e test
  • un sistema di serializzazione e convalida dei moduli in grado di salvare, codificare e modificare moduli HTML e rappresentazione degli stessi nel db;
  • un sistema di internazionalizzazione per le traduzioni;
  • un parser integrato in JSON e XML;
  • modelli basati sul paradigma della programmazione ad oggetti;
  • un sistema avanzato di cache;
  • un dispatcher di eventi;
  • template espandibili e personalizzabili;
  • eventuale supporto al middleware;
  • supporto alla creazione di web service.

Per far funzionare Django, infine, si può installare in locale (localhost) oppure acquistare un servizio di hosting specifico per Django.

Questa offerta ti potrebbe interessare: Hosting multidominio ServerPlan 30GB Linux
Guarda l'offerta
3 voti