Docker spiegato facile: cos’è e come funziona

Argomenti:
Pubblicato il: 15-11-2021 01:21

Vuoi capire che cosa è Docker da autentico niubbo / newbie? Nessun problema, ne parliamo qui per esteso.

Docker è un insieme di prodotti della Docker, Inc. (prima versione del 2013), i quali vengono forniti con il modello Platform as a Service (PaaS). Esso utilizza la virtualizzazione a livello di sistema operativo per fornire software di vario genere, all’interno di pacchetti detti container. Tali container sono isolati l’uno dall’altro, e contengono tutto il proprio software, librerie e file di configurazione; sono ovviamente in grado di comunicare tra loro con opportune procedure e protocolli. Poiché tutti i contenitori condividono i servizi di un singolo kernel del sistema operativo, economizzano naturalmente le risorse rispetto alle classiche macchine virtuali, delle quali possono essere considerate un’evoluzione.

Perchè usare Docker?

Il servizio offre software sia free che a pagamento, ed è disponibile su Windows, Linux, Mac. Docker può contenere un’applicazione e le sue dipendenze in un contenitore virtuale, che può essere eseguito su qualsiasi sistema operativo tra quelli appena elencati. Ciò consente all’applicazione di essere eseguita in una varietà di posizioni differenti, ad esempio, indifferentemente, in locale o in un cloud pubblico o privato.

Quando è in esecuzione su Linux, ad esempio, Docker utilizza una specifica funzionalità di isolamento delle risorse del kernel Linux (come cgroup ad esempio) e un file system tipo OverlayFS: si fa così per consentire l’esecuzione dei contenitori all’interno di una singola istanza Linux, evitando il sovraccarico dell’avvio e della manutenzione delle macchine virtuali. Docker su macOS e Windows, al contrario, utilizza una macchina virtuale Linux per eseguire i contenitori. Poiché i container di Docker sono molto veloci ed efficenti, un singolo server o macchina virtuale potrebbe in teoria eseguire più container contemporaneamente (da un paio fino a circa una ventina alla volta, per ogni host). Docker implementa un’API di alto livello per fornire contenitori leggeri che eseguono i processi / software in isolamento l’uno dagli altri: possiamo quindi monitorarne l’esecuzione ed intercedere nelle chiamate a qualsiasi livello.

Inoltre Docker fornisce accesso rapido ai log del container, ti permette di ottenere una shell o terminale apposito e ti permette di gestire facilmente il ciclo di vita del container.

Docker è inoltre composto da tre tronconi principali, ovvero:

  1. dockerd (il daemon Docker), un processo persistente che funziona in background e gestisce i container Docker così come gli oggetti container. Il demone ascolta le richieste inviate tramite l’API Docker Engine. Viene fornito anche un comando da terminale, docker, utilizzato per vari scopi.
  2. Gli oggetti, che sono immagini software, contenitori e servizi che costituiscono l’app
  3. Il registro, che fa funzionare e prende nota del comportamento delle immagini, per effettuare operazioni via client che possono essere sia push (caricamento) che pull (scaricamento).

Immagine di copertina di dotCloud, Inc. – File:Docker (container engine) logo.png, Apache License 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52332268

4.5/5 (2)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Docker spiegato facile: cos’è e come funziona di Salvatore Capolupo su Trovalost.it
Docker spiegato facile: cos’è e come funziona (Guide, Assistenza Tecnica)

Articoli più letti su questi argomenti:

Seguici su Telegram: @trovalost