File di export di WordPress: come fare a dividerlo in file più piccoli?

File di export di WordPress: come fare a dividerlo in file più piccoli?

Il file XML di esportazione dei contenuti di WP può essere di dimensioni molto grandi: questo, alla lunga, può essere un problema per la fase di upload dello stesso su un sito destinazione a nostra scelta.

Le recensioni dei migliori servizi

Siteground
5 / 5 ( 7 voti ) Keliweb
5 / 5 ( 5 voti ) Tophost (condiviso)
4.4 / 5 ( 5 voti )

Abbiamo visto in una precedente guida che WordPress dispone di un sistema pratico e veloce per esportare ed importare contenuti, a prescindere dai plugin e dal theme installato e senza dover aggiungere nulla. In alcuni casi le dimensioni del file da importare possono essere un problema serio, visto che la dimensione massima è preimpostata e non è detto che sia sufficente alla dimensione effettiva del file XML che vogliamo caricare.

Nella schermata di import, infatti, viene specificato (in questo esempio) che non possiamo caricare file XML di dimensione superiore a 16 MB:

Per risolvere, in questi casi, ci sono due strade: o aumentare la dimensione massima del file XML che si può caricare, oppure splittare il file in più file XML equivalenti con un apposito programmino free. La prima possibilità è stata analizzata in una guida a parte, mentre in questa sede andremo a vedere la seconda opportunità che ci viene offerta.

Come splittare un file XML di WordPress di grosse dimensioni

Per risolvere il problema dovremmo prendere il file XML da importare, aprirlo con un file di testo e dividerlo in tanti file più piccoli: ma questa operazione è difficile da eseguire a mano, visto che dovremmo anche ricopiare gli header del file stesso. Come fare? Ci sono dei software liberi per farlo per noi, per fortuna!

Il programma si chiama WordPress WXR File Splitter ed è disponibile sia per Windows che per Mac.

La versione Windows è piuttosto semplice da usare: basta aprire il file .exe, cliccare su Open WXR File, selezionare il file XML da splittare o dividere in file più piccoli, selezionare dalla casellina di testo la dimensione dei file da splittare (ad esempio 2 MB), oppure specificare il numero di file più piccoli equivalenti a quello originale che vogliamo ottenere. A questo punto basta cliccare su Split Files ed in pochi secondi avremo i file XML di import pronti all’uso.

Nel caso precedente, avremmo dovuto impostare 16MB come dimensione, o meglio ancora 15MB per stare tranquilli di rientrarci.

La versione Mac è molto simile: basta aprire il file dell’app, specificare la dimensione massima di ogni pezzo di file (ad esempio 2 MB), poi selezionare la cartella in cui salvare il file cliccando su Browser, alla fine cliccare su Select WXR per generare i file splittati in quella cartella.

Nel caso che abbiamo visto in precedenza, avremmo potuto impostare 16MB come dimensione, o magari 15MB per stare tranquilli di rientrarci.

Eccovi finalmente i link per scaricare il programma.

0 voti


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Consulente SEO, ingegnere informatico e fondatore di Trovalost.it, Pagare.online, Lipercubo.it e tanti altri. Di solito passo inosservato e non ne approfitto.