Incident #19009 : quando internet si è sfasciato

Incident #19009 : quando internet si è sfasciato

Non più tardi della scorsa settimana si è verificato un breakout globale di internet: molti siti risultavano inaccessibili, da Shopify a Youtube, passando per Gmail, GSuite e tutti i servizi ospitati sulla piattaforma Google Cloud, che è stata fixata quasi al volo dagli ingegneri di Google.Varie zone mondiali, di fatto, hanno insolitamente avuto difficoltà ad accedere ad internet.

Secondo la spiegazione ufficiale di Google (disponibile qui), classificata come Incident #19009: non è stata dovuta ad un attacco informatico di hacker, come molti avranno temuto o sospettato. I visitatori e gli amministratori dei siti potrebbero aver avuto problemi in varie zone del globo, manifestate attraverso errori intermittenti di connettività, latenza aumentata (TTFB dei siti aumentato a sproposito, ad esempio), nelle zone seguenti:

us-central1
us-east1
us-east4
us-west2
northamerica-northeast1
southamerica-east1

La congestione di internet si è verificata pertanto nei server USA di Google Cloud, ma ha colpito indirettamente anche l’Europa, visto che molti servizi anche in italiano si appoggiano ad essa per funzionare. Il problema è stato rilevato alle 11:45 del 2 giugno ed è terminato ufficialmente alle 15:40 dello stesso giorno, per quello che ne sappiamo (orario del Pacifico, in Europa è stato dalle 12:30 alle 15:00 circa). Tecnicamente la circostanza è stata descritta come una combinazione di più problemi in cascata: un bug di un software, due cattive configurazioni contemporaneamente ed internet ha apparentemente smesso di far funzionare vari siti web, anche molto famosi come Gmail e Youtube.

Nel periodo di malfunzionamento, per quanto breve, i siti in questione hanno finito per perdere un terzo del traffico abituale, con conseguenze relativamente piccole per gli introiti delle aziende e con qualche disagio di troppo per gli utenti. Il software automatico di aggiornamento, causa parziale del problema, è stato temporaneamente disabilitato e tornerà ad essere utilizzato soltanto dopo ulteriori verifiche tecniche.

Pubblicità:

Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Consulente SEO, ingegnere informatico e fondatore di Trovalost.it, Pagare.online, Lipercubo.it e tanti altri. Di solito passo inosservato e non ne approfitto.
Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Incident #19009 : quando internet si è sfasciato

Votato 10 / 10, da 1 utenti