Sondaggi pagati: dove e quanto si guadagna

Argomenti:
Pubblicato il: 28-09-2021 13:55 , Ultimo aggiornamento: 04-10-2021 07:59

Sì, è davvero possibile guadagnare qualcosa (al limite in buoni Amazon spendibili) partecipando ai vari sondaggi online retribuiti che potete trovare sul web. Per scrivere questo articolo, in effetti, abbiamo deciso di segnalarvi i migliori che potete trovare sul mercato ad oggi. Al di là dei soliti portali affiliati semi sconosciuti che parlano di questo argomento, che hanno finito per ingenerare confusione in molte persone, bisogna capire un po’ meglio di cosa parliamo quando prendiamo in considerazione questa forma di sondaggi.

Come funzionano i sondaggi retribuiti

A differenza dei sondaggi politici, ad esempio, i sondaggi pagati sono un investimento che molte aziende fanno prima del lancio di un prodotto o servizio, per provare a testare il terreno e capire meglio come reagirà il pubblico di potenziali clienti. Per farlo hanno bisogno di fare la stessa cosa che fanno i social network: far iscrivere un pubblico profilato per età, gusti, preferenze e regione di residenza, in modo da poter targetizzare ovvero, detta in modo più semplice, mostrare le giuste ads a chi potrebbe essere davvero interessato ai prodotti.

Per fare questo, ovviamente, serve un investimento anche minimo, che si traduce in ciò che queste aziende pagano perchè varie persone, profilate per età, residenza e gusti, rispondano alle domande in modo sincero.

A questo si aggiunge un meccanismo di referral, in alcuni casi: se ad esempio voi vi iscrivete al sito di sondaggi retribuiti riportato qui in basso e da noi testato e segnalato, noi avremo in campo dall’aziende ulteriori crediti convertibili in euro. La “moneta” di cui si parla per la retribuzione può essere di due tipi:

  • buoni spesa ad esempio Amazon (nota: c’è anche un modo per averne gratis)
  • denaro pagato via assegno, PayPal o bonifico

Vi suggeriamo inoltre di utilizzare una casella di posta dedicata ai sondaggi, in modo da tenere tutte le notifiche lì a parte senza interferire con le vostre usuali attività. Stesso motivo per cui è sconsigliabile fare uso di una e-mail aziendale che potrebbe essere monitorata o far finire le segnalazioni in spam senza che voi ve ne accorgiate (apri una casella di posta gratuita Gmail, ad esempio: vai qui e clicca su Crea un account per farlo).

YouGov

YouGov è forse la principale azienda che si occupa in Italia di sondaggi pagati, ed è quella su cui abbiamo fatto il maggior numero di test. Vi registrate e dopo un po’, periodicamente, vi proporranno dei questionari, delle analisi di mercato in cui non esiste risposta giusta o errata, ovviamente, ma bisognerà rispondere a determinate domande. Una volta finito ogni questionario, a seconda della sua lunghezza o complessità, sarà possibile ritirare il premio equivalente.

Questo programma per i sondaggi retribuiti lo sto sperimentando in questi mesi, ed effettivamente qualcosa si guadagna. È difficile fare stime più precise, purtroppo, perchè molto dipende dalla vostra capacità di usare un PC correttamente, dal tempo che dedicherete all’incarico e dall’effettiva disponibilità di sondaggi pagati del momento.

Con YouGov, in definitiva, potrete scegliere di essere pagati sia in buoni Amazon fino a 50€ alla volta che in contanti (iscrizione qui)

Quanto si guadagna

In genere da quello che sappiamo, e considerando la “moneta” che viene pagata dalle aziende e anche il tempo materiale per rispondere alle domande, si può guadagnare da qualche decina di euro al mese fino a 300-400€ se lo si fa a tempo quasi pieno. Ovviamente il tutto non è pensabile, secondo noi, come attività a tempo pieno, ma solo come passatempo o secondo lavoro per arrotondare un po’.

Foto di Tumisu da Pixabay;

Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Sondaggi pagati: dove e quanto si guadagna di Max Headroom su Trovalost.it
Sondaggi pagati: dove e quanto si guadagna (Guide, Nuove tecnologie)

Articoli più letti su questi argomenti:

Seguici su Telegram: @trovalost