A Montebello Vicentino un bancomat regalava soldi. Non è vero!

A Montebello Vicentino è successa una cosa che sogniamo un po’ tutti: uno sportello bancomat che eroga denaro senza bisogno di inserire la tesserina. Almeno, questo è ciò che è sembrato di primo acchito.

Vicenza Today aveva scritto:

“E’ successo a Montebello, nella filiale di Antoniana Gruppo Monte dei Paschi di Siena, di via XXIV Maggio”.

Il primo quotidiano a dare la notizia è stato il “Giornale di Vicenza”, che ha anche scritto che una persona (una guardia giurata) ha segnalato la cosa alla banca. Il giornale ha ipotizzato la presenza di un virus informatico.

Che cosa è successo davvero a Montebello Vicentino?

Ma lo stesso Giornale di Vicenza ha poi spiegato che si trattava di un’altra cosa: semplicemente, una persona un po’ distratta che non ha preso i soldi che aveva appena prelevato.

Un po’ distratta… 1500 euro (trenta banconote da cinquanta euro).

A svelare la verità è stato proprio il Monte dei Paschi di Siena, che ha fatto una verifica proprio dopo la pubblicazione dell’articolo da parte de “Il Giornale di Vicenza“. L’istituto senese con una nota informativa ha detto che: “Gli accertamenti immediatamente scattati hanno confermato che si è trattato di un prelievo non ritirato da un cliente che ha effettuato un’operazione pochi istanti prima dell’arrivo della guardia giurata, contanti che dopo pochi secondi sarebbero stati automaticamente ritirati dall’Atm come previsto dalle norme di sicurezza”.

Un elogio alla guardia giurata. Meno male che le persone oneste esistono. Il caso di Montebello Vicentino lo dimostra.

Nota

Questo Montebello è un comune veneto. Da non confondere con Montebello della Battaglia, che si trova in provincia di Pavi

Link utili

Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

Grazie per aver letto A Montebello Vicentino un bancomat regalava soldi. Non è vero! di Massimiliano Priore su Trovalost.it
A Montebello Vicentino un bancomat regalava soldi. Non è vero! (News)

Articoli più letti su questi argomenti:
Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo