Errore 403 su DAZN spiegato ai comuni mortali (e qualche indizio per risolvere)

Argomenti: ,
Pubblicato il: 07-09-2021 14:22 , Ultimo aggiornamento: 07-09-2021 14:34

Natura del problema: si tratta di un problema che può capitare per le cause più svariate, e che in questo caso interessa il servizio di streaming video a pagamento DAZN. La notifica di errore 403 è il modo in cui il sito di DAZN ci dice che ha ricevuto una richiesta che non può soddisfare.

Da cosa dipende l’errore 403? Significa che il sito non è disponibile al momento, riprovare più tardi o contattare l’assistenza.

Ecco in breve alcuni problemi più comuni, e come è possibile provare a risolverli.

  • Sito non attivo: Il sito di DAZN potrebbe essere inattivo, tocca riprovare dopo qualche minuto per vedere se si risolve. Per ingannare l’attesa provare a riavviare il PC, lo smartphone oppure il router che state usando per connettervi.
  • Ban del vostro IP: L’indirizzo da cui state accedendo ad internet potrebbe essere stato bannato dal sito di DAZN, per cui provate ad accedere alla stessa pagina via proxy, VPN o TOR o connessione sul cellulare per capire quantomeno se il problema sia legato al vostro IP. Si consiglia di riprovare dopo qualche minuto.
  • Problemi di login: è possibile che abbiate, in teoria, inserito delle credenziali di accesso errate, come username o password; in alcuni casi potrebbe uscire fuori un errore di questo tipo.

Come si risolve, quindi? Semplicemente, riprovare più tardi, provare con un altro browser, pulire la cronologia cache e cronologia oppure – cosa che vi suggeriamo nella maggioranza dei casi – contattare l’assistenza.

3.08/5 (13)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Errore 403 su DAZN spiegato ai comuni mortali (e qualche indizio per risolvere) di Salvatore Capolupo su Trovalost.it
Errore 403 su DAZN spiegato ai comuni mortali (e qualche indizio per risolvere) (Guide, Assistenza Tecnica, Errori più comuni)

Articoli più letti su questi argomenti:

Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo