Errore “La connessione non è privata”: come risolverlo

Se la connessione non è privata significa che è intercettabile da terze parti: e questo, nel caso della fase di acquisto da un e-commerce (ad esempio) oppure mentre stiamo inserendo username e password non è una condizione sicura per la navigazione. In genere, infatti, questo errore è determinato da un problema di certificato SSL che è presente all’interno del sito che visitiamo, come spiegato da questo tutorial.

Per risolvere il problema di connessione non privata in genere è necessario contattare il proprietario del sito e chiedere di aggiornare/installare HTTPS. Diversamente, il sito non sarà visibile. Rimane comunque possibile effettuare un’operazione di “aggiro” del problema, chiedendo a Chrome di visitare comunque il sito non protetto a proprio rischio: cosa che ad esempio se siete degli sviluppatori potreste dover fare. Quest’ultimo aspetto potrebbe essere diverso a seconda della vostra versione del browser Firefox, Chrome o Opera che state utilizzando, ed in alcuni casi potrebbe anche dipendere da un eventuale antivirus troppo zelante in merito. Google, in merito, fornisce anche un’eccellente documentazione a riguardo, che è possibile consultare per approfondire la questione.

Errore Netflix Proxy Streaming Error

Netflix è una delle principali piattaforme di video streaming, che (ad un prezzo in abbonamento mensile abbastanza abbordabile) permette di visionare film, documentari e serie TV di ogni genere. Si può usare sia su IPTV Android che su browser, oppure anche sui decoder abilitati alle TV via internet; in tutti i casi, potrebbe capitare un errore di proxy streaming error oppure, in italiano, Sembra che tu stia usando un unblocker o un proxy.

Che cosa significa è subito detto: Netflix distribuisce contenuti in tutto il mondo ed in diverse lingue, diversificando l’offerta in un modo incredibile e fornendo serie TV, documentari e film. Questo è importante ed è quello che li ha resi famosi, ma al tempo stesso è un problema per gli utenti che, ad esempio dall’Italia, non hanno modo di accedere a contenuti distribuiti negli USA. Molti di essi, infatti, tendono ad aggirare il problema cambiando il proprio IP mediante servizi di VPN, in modo da sembrare utenti con IP statunitensi e poter così visionare liberamente quel catalogo. L’azienda riesce a rilevare questa situazione e, in questi termini, impedisce agli utenti di accedere alla piattaforma, bloccandola completamente. Con un problema di questo tipo, noto anche con il codice univoco di errore M7111-5059 , non sarà possibile accedere a Netflix collegandosi con una VPN.

Che cosa fare per risolvere il problema? Se viene bloccata la connessione a Netflix sarà impossibile vedere qualsiasi programma, e questo può provocare rabbia e disagio. Le soluzioni possibili sono tante, e bisogna provarle una per una perchè non esiste un modo unico per affrontare il problema.

Questo errore è noto con diversi nomi differenti, tra cui:

Errore streaming

Netflix Proxy Streaming Error

Netflix Proxy Error

Codice di errore: M7111-5059

Come risolvere l’errore: alcuni suggerimenti utili

Le soluzioni per risolvere il problema di connessione non privata non dipendono solo da te: dipendono anche dal servizio che stai utilizzando nello specifico. Quindi è necessario andare per tentativi, e cercare di isolare il problema, eventualmente ricorrendo ad una VPN per proteggere la tua connessione e “uscire” su internet come se fossimo un client diverso. In definitiva, quindi, l’errore di connessione in questione può essere risolto o aggirando il certificato SSL (a proprio rischio, quindi massima attenzione nel farlo) oppure disabilitando l’eventuale blocco via software. Per risolvere il problema, se non c’è modo di contattare il webmaster del sito, è pertanto possibile tentare ulteriori opzioni:

  • Aggiornare o ricaricare la pagina dal browser (refresh della pagina)
  • Verificare che la connessione ad internet sia perfettamente funzionante
  • Provare a navigare, da Chrome o altri browser, in modalità “in incognito”
  • Cancellare la cache del browser
  • Cancellare la cronologia del browser
  • Aggiornare il proprio browser, in caso non fosse aggiornato da molto tempo
  • Disabilitare eventuali antivirus attivi, che potrebbero bloccare o rendere difficoltosa la connessione
  • Riavviare il router, attendere che si riconnetta ad internet e riprovare a navigare
  • Riavviare il computer e riprovare a connettersi in seguito

Errore “La connessione non è privata” Su smartphone o tablet

  • Se succede su uno smartphone: verificare che data e ora del PC o dello smartphone siano corrette

Errore “La connessione non è privata” su WordPress

Ogni sito internet potrebbe nascondere insidie di vario genere: malware, spyware, alcuni tipi di cookie (non tutti, ovviamente, ma soltanto alcuni un po’ più “invadenti”) e script malevoli che potrebbero sottrarre informazioni all’utente, si nascondono a volte anche nei portali più insospettabili, con lo scopo di rubare informazioni private sulle nostre abitudini o sulla nostra posizione geografica.

Livelli di sicurezza di un sito

In questo ambito è molto importante sapere, anzitutto, quale sia il livello di sicurezza di un sito: e ce ne accorgiamo facilmente ad esempio con Google Chrome, il browser ufficiale di Google, che per ogni sito che visitiamo mostra un’icona – giusto a fianco dell’indirizzo – che va a mostrare tale livello.

Ce ne sono tre, ad oggi: un sito sicuro viene mostrato con un lucchetto grigio, un sito non troppo sicuro con una “i” dentro ad un cerchio mentre i siti non sicuri vengono segnalati da un’icona rossa. Come fare a navigare sul web con qualche garanzia di privacy in più, dato che tutte le operazioni possono avvenire (e quasi sempre avvengono) dietro le quinte?

Come aumentare la sicurezza grazie alle VPN

E se una persona volesse navigare comunque in modo sicuro cosa dovrebbe fare? La VPN (acronimo di Virtual Private Network, in italiano significa Rete Privata Virtuale) potrebbe essere una risposta, in quanto aggiunge un livello di protezione, a livello di connessione tra client e server, facendo in modo che chi naviga esca con un indirizzo IP diverso dal proprio. Come sappiamo, infatti, l’indirizzo IP è un identificativo che ci permette di fare uso del web (e non solo), con modalità che possono statiche (IP fisso) oppure dinamiche (IP variabile). Grazie alla tecnologia delle VPN, di fatto, tutto questo è possibile, pagando in genere una piccola fee mensile per l’abbonamento al servizio.

In questo ambito, peraltro, nel caso in cui avessimo problemi a connetterci a Netflix con l’errore che abbiamo visto all’inizio (lo ricordiamo, Netflix Proxy Streaming Error), è in genere possibile evitare errori con la VPN e cercare di farne uso con opportuni plugin per il browser, come ad esempio TouchVPN e DotVPN. Non tutte le VPN vengono rilevate da Netflix e potrebbe, pertanto, essere opportuno cambiarle periodicamente. Ed è così, peraltro, che bisognerebbe navigare in genere su internet, soprattutto nel momento in cui si visitino siti in cui non si voglia lasciare traccia, per navigare in modo tranquillo e, soprattutto, senza brutte sorprese in seguito.

Questa offerta ti potrebbe interessare: VPS Keliweb – VM 11L
Guarda l'offerta
1 voto