Come ottimizzare e ridurre gli inodes usati sul proprio hosting

Argomenti: ,
Pubblicato il: 12-11-2019 09:00 , Ultimo aggiornamento: 10-02-2021 19:57

Se il vostro hosting raggiunge il limite di inodes potrebbe smettere di funzionare, quindi è bene tenere a bada questo parametro per non farlo degenerare. La situazione non è troppo comune ma, come spesso accade, spesso ce ne accorgiamo solo quando l’hosting ce lo segnala.

Più forza al business con gli SMS

L'SMS MARKETING può far decollare la tua attività.
Sperimentalo gratis con Skebby. 10 SMS omaggio!

www.skebby.it

SMS Marketing - Skebby

Invia SMS pubblicitari a basso costo - I primi 10 invii sono GRATIS!

Registrati su Skebby

Cosa sono gli inodes

In informatica, e nel gergo Linux (che quasi tutti gli hosting web utilizzano) un inode è un record nella tabella dell’ hard disk, che contiene informazioni sul file o sulla directory tra cui dimensioni, proprietari del file, socket aperti e via dicendo. A livello pratico il numero di inode coincide con il numero di file e directory contenuti nell’hard disk del sistema.

Come accorgersi del problema

Nel caso di hosting su Siteground, ad esempio, l’eccesso di inodes in uso rispetto a quelli disponibili viene notificato sulla sinistra del cPanel, mediante una barra percentuale che diventa di colore rosso. Ovviamente se il limite è di 450.000 inodes al massimo, non dobbiamo mai superare questa soglia perchè, una volta superata, il sito smette di funzionare e restituisce (in genere) una pagina di errore server con codice 500.

Per risolvere, come vederemo, è necessario prendere una serie di provvedimenti a livello di file, ovviamente facendo attenzione a non compromettere nulla sul sito attuale.

Differenza tra numero di inodes e spazio su disco

L’uso degli inodes è diverso dallo spazio occupato su disco: una differenza sottile, ma non di poco conto. Se lo spazio occupato dai file dipende banalmente dalla dimensione di tutti i file presenti, e può essere facilmente ottimizzato eliminando ad esempio eventuali file temporanei, immagini non utilizzato o file di backup, gli inodes meritano invece un discorso a parte.

La differenza con lo spazio web occupato non è immediata da comprendere, probabilmente ma basta prendere un esempio per capirla: se abbiamo ad esempio una cartella public_html con i file del nostro sito, potremmo avere un conteggio completo di 1000 file e 5000 cartelle, molte delle quali vuote; queste, anche se sono vuote, influiranno lo stesso sul numero di di inode, per quanto occupino poco spazio.

Quindi, in sintesi, il numero di inodes coincide con il numero di file e cartelle nel nostro server.

Anche se certi hosting non lo dicono troppo chiaramente, infatti, il limite sugli inodes ci sarà sempre e comunque, visto che è una specifica dei sistemi Linux sui quali si basano la maggiorparte dei servizi di hosting. Se il mito dello spazio illimitato è tramontato da tempo (almeno, si spera), quello degli inode è un limite molto più stringente, perchè se ad esempio possiamo occupare massimo 450,000 inode significa che non possiamo avere più di 450,000 file e directory in tutte le varie cartelle del nostro sito.

Da cosa è causato l’aumento di inodes

Molti plugin di WordPress, ad esempio, tendono ad occupare più spazio del dovuto: creano un sacco di cartelle e sottocartelle, aggiungono file temporanei senza cancellarli e così via. Tra le cause dell’aumento degli inodes e dello spazio su disco ci sono:

  • plugin inutilizzati (disattivati), che sarebbe meglio cancellare una volta per tutte;
  • immagini nel sito non utilizzate, che anche qui sarebbe meglio cancellare se non usate (occhio a non cancellare le immagini dei loghi o della grafica che a volte sono nella cartella media). Ogni immagine che caricate, per intenderci, occupa almeno 3 o quattro inodes perché WP crea in automatico le immagini a diverse dimensioni, a seconda del tema.
  • plugin di backup: il migliore da usare è Updraft che salva un backup del sito su Google Drive o DropBox, per quanto abbia il problema di lasciare in locale una copia temporanea di ogni backup quando lo scaricate. Queste copie locali si possono rimuovere a mano via FTP, in genere.

Come si riducono gli inodes utilizzati

Per ridurre il numero di inodes si possono applicare ulteriori tecniche un po’ più avanzate:

  1. eliminare i file media (immagini o altri) che non siano inclusi in un articolo o pagina di WordPress; attenzione a non cancellare immagini usate dal theme come loghi o altro, in questa sede.
  2. cancellare o rimuovere i plugin di cache inutilizzati;
  3. cancellare o rimuovere eventuali plugin di auto-aggiornamento che creino sempre nuove immagini;
  4. eliminare i theme non utilizzati
  5. evitare di utilizzare l’hosting per caricare file non necessari o per fare da “deposito” di file – cosa vietata da molti hosting, peraltro, quanto invece sono preferibili le soluzioni di file hosting.

Visto che si tratta di modifiche permanenti ed in cancellazione definitiva (senza cestino), è bene tenerne conto e scaricarsi una copia in locale del sito, via FTP, prima di procedere.

3.15/5 (34)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Come ottimizzare e ridurre gli inodes usati sul proprio hosting di Salvatore Capolupo su Trovalost.it
Come ottimizzare e ridurre gli inodes usati sul proprio hosting (Guide, Assistenza Tecnica, Configurazione Hosting)

Articoli più letti su questi argomenti:

Seguici su Telegram: @trovalost