Router: cos’è, dove posizionarlo e 4 soluzioni ai problemi più comuni Dal momento che internet è la colonna portante della nostra società, e riempie la vita di tutti i giorni, sia in ufficio che a casa, avere una linea che ci consenta di connetterci è di fondamentale importanza. Lo strumento utilizzato per porre in essere una connessione ad internet è il router. Si tratta di una periferica informatica che consente al pc e ai dispositivi mobili di navigare senza fili e senza problemi.

Cos’è il router e a cosa serve

Da quanto abbiamo poc’anzi anticipato il router è un dispositivo indispensabile per la connessione ad internet.

Esso è dotato sia di porte Ethernet sia di connettività Wi-Fi.

La sua tecnologia permette di con dividere la stessa connessione tra più dispositivi.

La sua funzione dunque diventa quella di gestire ogni tipo di protocollo necessario per creare una rete informatica.

In questo modo tutti i dispositivi ivi connessi riescono a comunicare in maniera efficace con la linea internet cui ci si riferisce.

In commercio sono numerosi ormai le aziende che offrono router dalle prestazioni performanti. Citandone solo alcune ricordiamo brand come Samsung, Asus, Netgear, D-Link, TP-Link, fino all’italianissima Eolo (qui su robadainformatici.it trovi un’ampia rassegna dei migliori router Eolo).

Dove posizionarlo

Tralasciando il discorso di potenza della linea Intenet, di fibra e cose simili, è importante saper posizionare il router nel punto giusto. Questo è un aspetto fondamentale se si vuole godere di un buon segnale che raggiunga ad ampio raggio tutti gli angoli di casa.

Il primo consiglio da seguire è quello di tenere il router al centro della propria abitazione. Non importa dove si trova il PC o dove la presa telefonica: quello che conta è tenerlo in un punto strategico che gli consenta di arrivare in ogni stanza della casa.

Nota bene: Per chi ha una casa su due livelli, poi, il router andrebbe tenuto al piano di sopra, dal momento che in genere le onde radio tendono a proiettarsi verso il suolo e non verso l’alto.

Un altro consiglio fondamentale è che il router debba stare in una posizione tale da non avere dinanzi a sé degli ostacoli. Che si tratti di specchi, acquari, componenti in metallo o mura troppo spesse, il dispositivo deve avere la possibilità di riflettere le onde radio senza difficoltà.

Questo vuol dire anche evitare di tenerlo vicino la TV o in bagno.

Ultimo consiglio ma fondamentale è quello di evitare la cucina, soprattutto se si tiene il forno a microonde. Questo perché apparecchi simili utilizzano lo spettro elettromagnetico del segnale wi-fi, creando interferenze.

Alcune soluzioni ai problemi

Può capitare spesso di vedere il router fare capricci, creando problemi sulla connettività al web.

Cerchiamo dunque di capire le soluzioni più semplici ed efficaci per risolvere i fastidi più comuni.

  • Spegnere e riaccendere il router

Se il router fa i capricci e non riesce ad allinearsi sulla linea attraverso cui viaggia potrebbe essere una soluzione spegnerlo e riaccenderlo dopo qualche secondo. Questo gesto dovrebbe aiutare il firmware del router a resettarsi, eliminando eventuali interferenze con la periferica di rete.

  • Controllare la temperatura

Il funzionamento del router, come quello di altri congegni elettronici, potrebbe essere compromesso da un innalzamento delle temperature interne al congegno. Per tale ragione, surriscaldandosi, esso incontra maggiori difficoltà a compiere la sua attività di connessione. Questo vuol dire che ogni tanto dobbiamo controllare se la scocca esterna scotta ed eventualmente se le vie di a reazione sono ostruite. Qualora dovesse essere così, è necessario cambiare posto al router, posizionandolo in una zona più fresca.

  • I cavi ben collegati

Sicuramente avere molti congegni elettronici porta ad una presenza intricata di cavi e fili. Questo vuol dire che facilmente può capitare, mentre si rassetta casa o mentre si spolvera, di tirare inavvertitamente il cavo del router, che allentandosi provoca una disfunzione dello stesso. Di un simile problema ci accorgeremo solo nel momento in cui tenteremo, invano, di connetterci.

Ecco dunque che prima di andare in tilt, pensando di essere tagliati fuori dalla rete, è bene andare a controllare se tutti i cavi stanno al loro posto nel plug.

Conviene anche controllare la condizione non solo dei cavi Ethernet, ma anche di tutti gli altri cavi collegati al dispositivo.

Se dovessimo trovare i ci allentati sfilarli prima del tutto e poi reinserirlo, aspettando di sentire il tipico “click” del fermo di plastica che indica il corretto alloggiamento.

  • Il reset del dispositivo

Ultimo tentativo da fare per risolvere eventualmente un funzionamento deforme del router, è quello di resettarlo.

Riportando il dispositivo a quelle che erano le impostazioni di fabbrica, spariranno dalla memoria dello stesso tutte le modifiche che avevamo effettuato.

L’hard reset riporta il router alla configurazione di base, dal momento che a volte proprio la personalizzazione dello stesso pio provocare dei malfunzionamenti. Per iniziare questa procedura basta genere premuto per alcuni secondi il tasto di reset, di solito posto sotto il router.

In tal sede va comunque evidenziato, che dando il via al processo di ripristino delle impostazioni, dopo dovremmo riconfigurare il dispositivo.

Ogni impostazioni sarà annullata, e il dispositivo perderà anche dalla memoria il nome della rete Wi-Fi e la password di accesso da noi modificate.

0 voti