Oltre la realtà  virtuale: e se un giorno qualcosa andasse storto?

Il rebranding di Meta ha posto le basi per una nuova tecnologia ed il suo futuro sviluppo dei prossimi anni, mettendo le tecnologie di realtà  aumentata al centro del focus e, al tempo stesso, ponendo nuove sfide che dovranno essere tenute in conto per salvaguardare privacy e diritti di ognuno. La rapida evoluzione della società  dell’informazione, dei processori e delle tecnologie di AI (Artificial Intelligence) finiranno prevedibilmente per avere lo stesso effetto pervasivo e condizionante a livello emotivo sulla società .

Un articolo pubblicato di recente su Springer (The Convergence of Virtual Reality and Social Networks: Threats to Privacy and Autonomy) ha confermato i dubbi in questione e li ha classificati a seconda delle circostanze: dall’unione tra social network e realtà  virtuali, di fatto, si aprirebbe uno scenario in cui molte persone avranno il proprio account-avatar, dovranno gestirlo e, plausibilmente, affrontare potenziali problematiche dal punto di vista della privacy e della nostra stessa autonomia. Da un lato le minacce per la privacy sono note, e sono quelle che conosciamo da sempre: cosa succederebbe se un avatar fosse trafugato o rubato, ad esempio? Quanto sarà  agevole per i malintenzionati ed i troll costruire degli account fake? Quali conseguenze se un avatar altrui dovesse commettere dei reati “a nome nostro“?

Ma a questo discorso, che coinvolge secondo gli autori è suddivisibile in privacy informativa, fisica e associazionale, si aggiungono inedite tematiche legate all’autonomia, alla possibilità  di “darsi delle regole” e rispettarle per il bene comune – un tema molto caldo ed attualissimo, in tempi post pandemici. Esistono infatti minacce poste da questi sistemi che, se non lavorati con opportuna trasparenza, rischiano di minacciare libertà  personale, diritto alla conoscenza ed autenticità  degli utenti, con il rischio di creare un mondo apparentemente irreprensibile e alla portata di tutti quanto, al tempo stesso, deregolamentato, con conseguenze devastanti per le nostre vite se un giorno ci fossero fughe di informazioni o leak di dati.

Cosa che è tutt’altro che fantascientifica, e che la legge dei grandi numeri e la conoscenza delle tematiche di hacking suggerisce essere solo questione di tempo. Come e quanto bene si affronterà  questa nuova sfida, in effetti, dipende solo da noi, eventualmente sfruttando il vantaggio di avere già  avuto esperienza con i social network e le loro “pericolose” ed ambigue contraddizioni.



Questo blog pubblica contenuti ed offre servizi free da 11 anni. – Leggi un altro articolo a caso – Per informazioni contattaci
5/5 (1)

Ti piace questo articolo? Vota e fammelo sapere.

Oltre la realtà  virtuale: e se un giorno qualcosa andasse storto?
SMSHosting Usa il codice PROMO per uno sconto sul primo acquisto: PRT96919
adrian deweerdt kJ2xdKJZZ9k unsplash
Torna su