Come creare un sito in WordPress

Come creare un sito in WordPress

Vorrei aprire il tuo nuovo blog personale, il tuo sito aziendale o il portale multifunzione che hai pensato da tempo? Niente di più facile! Tutto questo sarà infatti possibile grazie a WordPress (sito ufficiale), uno dei CMS per blog e per la gestione dei contenuti più semplici e pratici da usare. WordPress non è il miglior sistema in assoluto per gestire un sito, ma ha dalla sua una grande flessibilità, una facilità d’uso che aumenta di versione in versione ed una gamma di opzioni personalizzabili anche per gli utenti meno esperti. Quello che vedremo in questo articolo copre la totalità delle possibilità a disposizione dell’utente per realizzare il proprio sito o blog.

Aprire un blog in WordPress: via wordpress.com o via hosting

Per aprire un blog in WordPress avete due possibilità, che ho descritto dettagliatamente in questo post e che riassumo qui molto brevemente.

  1. usando un account su wordpress.com avrete in pochi click il vostr sito gratuito, all’inizio del tipo tuonome.wordpress.com e con la possibilità di installare il plugin che più di piace, senza poter modificare il codice o installare plugin non inclusi nel repository ufficiale. Con questa opzione puoi anche installare WordPress su un dominio personalizzato di secondo livello, tipo tuonome.it o tuonome.nuovaestensione (guarda l’elenco delle nuove estensioni di dominio) pagando in questo caso a wordpress.com quanto richiesto (poche decine di euro all’anno, in media). Su questo, eventualmente, puoi leggere gli articoli su come scegliere un nome di dominio e su come cambiare un nome di dominio in seguito.
  2. usando WordPress su un hosting  – seconda opzione – come Tophost o HostingVirtuale avrete invece la possibilità (pagando una quota annuale sugli 80-100 euro all’anno, di solito) di gestire autonomamente il blog, installarci quello che volete e modificare il codice se vi servisse farlo.

Come aprire un sito in WordPress

Per creare il tuo sito in WordPress devi:

  1. scegliere un nome di dominio;
  2. vedere se quel nome sia disponibile su una delle due piattaforme specificate;
  3. acquistare o prenotare il nome di dominio effettuando la registrazione (su wordpress.com da qui, oppure mediante un hosting a tua scelta);
  4. scegliere uno dei theme gratuiti disponibili dall’interfaccia (o acquistarne uno);
  5. iniziare ad utilizzare il tuo sito!

Se utilizzate wordpress.com avrete l’opportunità di creare un sito web gratis sulla piattaforma messa a disposizione per gli utenti, con il vincolo ulteriore di non poter pubblicare materiale per adulti e di non realizzare un sito di natura commerciale e/o con link affiliati (i siti che trasgrediscono le regole vengono solitamente segnalati e chiusi).

Se invece realizzate un sito su un hosting condiviso o dedicato, in generale, potrete personalizzarne l’aspetto mediante migliaia di temi grafici diversi, alcuni gratuiti ed altri a pagamento, e gestire come volete i suoi contenuti (con qualche vincolo ad esempio nel caso di Altervista, che non permette pubblicità vostre ma solo le sue). WordPress è in genere un’opportunità seria non solo per blog, ma anche per creare un sito aziendale, visto che permette di personalizzare i theme, ne trovate molti decisamente professionali oppure potrete, se necessario, sfruttando i child theme.

Installare WordPress

Una volta procurato l’hosting, nel caso seguiate la seconda alternativa, seguirete le istruzioni per installare WordPress in pochi passi: se siete ancora dei principianti potreste valutare, prima di andare online, la possibilità di testarlo in locale via WAMP o MAMP.

Cosa vi da’ WordPress?

Di base avrete un blog con pagine e post editabili: se vi serve qualcosa in più potete anche pensare di trasformarlo in un CMS vero e proprio, eventualmente modificando i ruoli degli utenti. Gli interventi di manutenzione saranno ogni tanto necessari, e con un po’ di esperienza potrete imparare a gestirvi tutto da soli, ad esempio leggendo le nostre guide. Se WordPress è lento, forse state esagerando con i plugin: potete pensare di velocizzarlo seguendo queste indicazioni.

Per tenere d’occhio il numero di visite sul vostro sito, cosa importante soprattutto se lavorate sul sito per scopi commerciali o per la vostra attività, potrete facilmente integrare WP con Google Analytics. Più in generale i plugin saranno molto utili per ritoccare il vostro sito con le funzionalità che mancano, aggiungendo possibilità di interagire con gli utenti, rating, SEO e tanto altro ancora. In questo sito trovate pure una guida ai migliori plugin per WP. In ultimo, ma non ultimo per importanza, vi toccherà dare un occhio alla sicurezza e mettere al sicuro il vostro sito da attacchi informatici sempre più frequenti.

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Come creare un sito in WordPress

Votato 10 / 10, da 1 utenti