Cos’è il public cloud (e come può esserti utile)

Cos’è il public cloud (e come può esserti utile)

Il cloud è la tecnologia informatica che sta prendendo progressivamente piede in vari settori dell’IT: la sua implementazione permette alle app e ai siti di mettere a disposizione del cliente svariati servizi, esternalizzando costi e infrastruttura e contrapponendosi al tradizionale approccio on premises (installato localmente come programma dal cliente).

Al di là del suo essere innovativa e su larga scala, si tratta di una tecnologia che ha completamente ridefinito il modo di usufruire di servizi, acquisire informazioni ed effettuare vari generi di attività su internet. Con il cloud, infatti, i servizi diventano a portata di chiunque, e questo sia a livello di applicazioni preconfezionate che di piattaforme di sviluppo per crearne di nuove.

Definizione di public cloud

Quando parliamo di cloud pubblico facciamo riferimento ad un network di risorse e servizi; esso viene, nello specifico, esternalizzato e reso disponibile al pubblico in varie modalità. I servizi in cloud possono essere, in generale, sia servizi già pronti (ed in questo caso parliamo di SaaS, Software as a Service) che piattaforme per la creazione di servizi (e si parla di PaaS, Platform as a Service): nel caso del cloud pubblico, si parla quasi sempre di Infrastructure as a service (IaaS). Il cloud privato, in contrapposizione, funziona e viene mantenuto su una rete di infrastruttura hardware del proprietario, e non viene normalmente messo su internet.

Il fatto che si tratti di servizi virtualizzati resi disponibili al pubblico non significa, ovviamente, che il loro costo sia pari a zero, per quanto esistano considerevoli eccezioni – e tenendo conto del fatto che anche i servizi di cloud pubblico a pagamento potrebbero dare la possibilità di testarli gratuitamente, per un primo periodo. Sulle public cloud l’infrastruttura viene fornita da un provider di servizi specializzato, che la eroga sfruttando internet e fornendone in modo contestuale metodi di accesso, integrazione ed autenticazione ai vari servizi.

Pertanto un public cloud è un insieme di servizi in cloud hosting che viene reso disponibile al pubblico invece di riservare l’infrastruttura stessa solo ad una singola azienda proprietaria (private cloud).

Vantaggi del public cloud

Questo parlare della tecnologia assimilabile al cloud pubblico potrebbe lasciare perplessi alcuni di noi, e per vari motivi: da un lato, infatti, non è scontato individuare che tipo di applicazioni o servizi potrebbero usufruire della tecnologia in esame (vedremo qualche esempio a breve, per questo). Dall’altro, potrebbe non essere chiaro perchè dover utilizzare un servizio in cloud, quando esistono ancora ottimi servizi equivalenti installabili come programmi tradizionali on-premises, come accennato all’inizio.

Anzitutto sfruttando i servizi cloud non è più necessario necessario installare nulla sul computer dell’utente, e ciò consente all’azienda di risparmiare tempo e risorse in questa operazione. Basterà infatti accedere con le opportune credenziali, molto spesso direttamente via browser web, client di posta, ecc. per poter sfruttare tutti i servizi con modalità identiche (o molto simili) a quelle usuali. Pertanto dal punto di vista finanziario i cloud pubblici sono in grado di fornire le migliori economie di scala, perché il costo dell’hardware (ma anche della banda, delle risorse e di parte dei software) viene scaricato dal cliente, che paga tipicamente solo per i servizi che decide di usare e per il tempo (o il traffico) che con essi consumerà.

Come se non bastasse, i servizi offerti con questa modalità sono scalabili anche dal punto di vista dei singoli servizi che vengono offerti al cliente, come quantità di RAM da allocare, spazio su disco, processore, IP, banda disponibile, pannelli di controllo, database e posizione geografica del datacenter da cui ci serviremo.

Chi offre cloud pubblici tra le aziende?

Il cloud pubblico è già da tempo diffuso tra gli utilizzatori di internet a tutti i livelli (base, intermedio, avanzato), spesso che questi ultimi neanche se ne siano resi conto. Mi ero ripromesso di rendere concreto questo articolo citando esempi pratici di uso del cloud pubblico anche di grande successo: cito in questa sede il celebre iCloud di Apple, la versatilità delle Google Apps, e anche i popolarissimi Dropbox e Flickr!. Servizi accomunati  spesso dal fornire all’utente capacità di eventuale backup e storage (memorizzazione di foto, documenti e file in genere), ma che poi possono estendersi ad ambiti molto diversi tra loro: backup automatici, programmi gestionali o per la fatturazione e così via.

In Italia tra i principali attori specializzati nel settore del public cloud troviamo Seeweb, un provider tra i primi (e tra i più innovativi) sul mercato, attivo da molti anni e con SLA del 99,90%: fornisce servizi cloud di ogni genere, in modo da venire incontro alle esigenze più svariate. Il cloud pubblico, a mio parere, è un tipo di servizio che andrà per la maggiore nei prossimi anni, e potrà integrarsi con tecnologie preesistenti a formare il cosiddetto hybrid cloud, sul quale spenderò qualche parola in articoli successivi.

Photo by Stopped.

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.