Che cos’è X (Unix)


Pubblicato il: 18-04-2022 15:19

Nel mondo Unix si indica con la lettera “X” il sistema noto come X Window System, detto a volte X11: un sistema a finestre per visualizzazioni in formato grafico, comune su sistemi operativi Unix e Unix-like. X fornisce la struttura di base per una interfaccia grafica per sistema operativo (GUI, Graphical User Interface): permette di disegnare e spostare le finestre sul dispositivo di visualizzazione e interagire con mouse e tastiera.

X non impone alcuna interfaccia utente specifica, in quanto è gestita dai singoli software che ne fanno uso: motivo per cui il suo funzionamento può cambiare notevolmente.

Storia di X

X è nato come parte del Progetto Athena presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT) nel 1984; Il protocollo X è alla versione 11 (da cui “X11”) dal settembre dell’anno 1987. La fondazione X.Org guida il progetto X da sempre, con l’attuale implementazione di riferimento, X.Org Server, disponibile come software gratuito e open source sotto il MIT Licenza e licenze molto flessibili del genere.

Vantaggi di X

X è un sistema indipendente dall’architettura per interfacce utente grafiche remote e capacità del dispositivo di input. Ogni persona che utilizza un terminale in rete ha la possibilità di interagire con il display con qualsiasi tipo di dispositivo di input dell’utente. Nella sua distribuzione standard è una soluzione di visualizzazione e interfaccia completa, anche se semplice, che fornisce un toolkit standard e uno stack di protocolli per la creazione di interfacce utente grafiche sulla maggior parte dei sistemi operativi simili a Unix e OpenVMS, ed è stata trasferita su molti altri sistemi operativi generici contemporanei sistemi. Anche le versioni di Linux più diffuse fanno uso di X, per quanto in una versione customizzata e abbastanza diversa da quella originalmente diffusa.

X fornisce al programmatore il framework di base, o primitive, per costruire tali ambienti GUI: disegnare e spostare le finestre sul display e interagire con un mouse, una tastiera o un touchscreen. X non impone l’interfaccia utente; i singoli programmi client gestiscono questo. I programmi possono utilizzare le capacità grafiche di X senza interfaccia utente. In quanto tale, lo stile visivo degli ambienti basati su X varia notevolmente; programmi diversi possono presentare interfacce decisamente difformi da quest’ultimo.

A differenza di altri protocolli di visualizzazione, X è stato progettato specificamente per essere utilizzato su connessioni di rete anziché su un dispositivo di visualizzazione integrato o collegato: quindi può essere ideale per le connessioni in desktop remoto, per quanto sia poco comune farne uso. X presenta la trasparenza della rete, il che significa che un programma X in esecuzione su un computer da qualche parte in una rete (come Internet) può visualizzare la sua interfaccia utente su un server X in esecuzione su un altro computer della rete. Il server X è in genere il fornitore di risorse grafiche ed eventi da tastiera/mouse ai client X, il che significa che il server X è solitamente in esecuzione sul computer di fronte a un utente umano, mentre le applicazioni client X funzionano in qualsiasi punto della rete e comunicano con il computer dell’utente per richiedere il rendering di contenuti grafici e ricevere eventi da dispositivi di input inclusi tastiere e mouse.

Il protocollo di rete di X si basa sulle primitive dei comandi X. Questo approccio consente alle operazioni 2D e (tramite estensioni come GLX) 3D da parte di un’applicazione client X che potrebbe essere in esecuzione su un computer diverso di essere ancora completamente accelerate sul display del server X (il termine server ha un significato diverso e non deve essere inteso prettamente come nel modello client-server). X non fornisce, inoltre, supporto nativo per l’audio; esistono diversi progetti per riempire questa nicchia, alcuni forniscono anche un supporto utilizzabile flessibilmente in tal senso.

Di Liberal Classic – Liberal Classic, MIT, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1680280


Questo articolo contiene 623 parole – Questo blog esiste da 3.759 giorni.
Nessun voto disponibile

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Che cos’è X (Unix) di Max Headroom su Trovalost.it
Che cos’è X (Unix) (Guide)

Articoli più letti su questi argomenti: