Google Play permetterà alle app di telefonare ed inviare messaggi solo se necessario Un interessante giro di vite sulla sicurezza da parte di Google Play

<span class="entry-title-primary">Google Play permetterà alle app di telefonare ed inviare messaggi solo se necessario</span> <span class="entry-subtitle">Un interessante giro di vite sulla sicurezza da parte di Google Play</span>

Nuove tutele della privacy per l’utente finale Android da parte di Google: Google Play, infatti, sta per lanciare una nuova feature in grado di avviare manualmente la whitelist di app SMS e telefono. In termini pratici, questo significa che le app saranno revisionate secondo nuovi, e più restrittivi, criteri (e anche da parte di un tester umano, in questa fase). Le nuove regole erano state preannunciate già sul blog ufficiale per sviluppatori Android, proprio al fine di fornire un’esperienza d’uso (UX) più gradevole e sicura per l’utente.

Le regole del Play Store pertanto stanno per cambiare, relativamente ai permessi per inviare SMS e fare chiamate (Call Log e SMS, tecnicamente): solo ad alcuni tipi di app sarà consentito farne uso, e qualsiasi app che non rispetti le nuove regole sarà automaticamente rimossa dallo store. In seguito Google ha chiarito cosa intendesse: solo le app pensate per telefonare o inviare SMS (al limite per motivi di sicurezza) potranno e dovranno consentire chiamate ed SMS, le altre no. In effetti ad oggi il problema dei permessi delle app è particolarmente sentito, specialmente per i giochi che in molti casi richiedono permessi di accesso alle directory di Android oppure a funzioni che apparentemente non servono a nulla di preciso. Questo crea una potenziala falla nel sistema, e qualcuno potrebbe approfittarne: Google lo sa, e sembra voler correre ai ripari.

Pubblicità:
Pubblicità:

Una delle cose più interessanti, del resto, è che l’approvazione delle app avverrà con un mix di algoritmi automatici ed operatori in carne ed ossa: la richiesta di fare uso di SMS e chiamate andrà indicata in fase di submit dell’applicazione, e sarà revisionata da un dipendente di Google. Gli sviluppatori o chi per loro dovranno fornire tutti i dettagli per far capire a Google a cosa serva la funzione. Le funzioni di SMS e chiamate dovranno quindi essere messe in whitelist, per poter essere utilizzate da parte degli utenti: diversamente, a quanto pare, l’app non sarà disponibile sullo store.

C’è da scommettere, comunque, sul fatto che l’operatore umano sia soltanto una fase transitoria e che il processo sarà automatizzato al 100% nel lungo periodo.


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Ingegnere informatico, consulente SEO, copywriter ed ideatore di trovalost.it. Di solito, passo inosservato: e non ne approfitto neanche un po'.
Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.