Non te l’aspettavi: 8 usi non convenzionali della tecnologia

Non te l’aspettavi: 8 usi non convenzionali della tecnologia

Riuscire a fare girare dei programmi concepiti per un determinato tipo di architettura su un calcolatore dalle caratteristiche differenti, o addirittura inferiori in termini di grafica e prestazioni, fa parte dei sogni più bizzarri mai concepiti da un informatico, e questo sicuramente non da oggi. Per ovvie ragioni in questo contesto sono i videogame a giocare un ruolo rilevante, ed è senza dubbio molto curioso vederli funzionare su architetture hardware più vecchie, o completamente diverse, di quelle per cui erano state concepite. Le magie dell’emulazione, insomma, non si fermano mai e, per quanto spesso rimangano cose fini a se stesse, in tanti altri casi consentono di superare limiti apparentemente invalicabili e far funzionare software di legacy fino ad oggi.

Oggi vediamo uan nuova carrellata di “giochi e software antichi” o retrogame che sono riusciti a far funzionare su calcolatrici, vecchi home computer, oscilloscopi e così via: usi non convenzionali della tecnologia che vi faranno certamente sorridere. Cominciamo?

Doom su un ATM (bancomat)

Gli ATM (Automated Teller Machine) sono le tecnologie che permettono a moltissimi Bancomat (chiamati comunemente ma impropriamente così, visto che si tratta di un marchio registrato) di poter funzionare: in molti casi la parte informatica degli stessi è affidata ad un sistema operativo come Windows XP, per cui l’installazione del gioco può avvenire mediante un adeguato badge sul quale è stato posto il software in questione.

Doomed ATM

Calcolatrici usate come tastiere per suonare il theme di SuperMario

Quando realizzato dallo Youtuber di seguito è decisamente originale: ogni tasto emette un suono corrispondente ad una nota, così basta porne 4 in serie per avere una micro-tastiera su cui poter suonare una delle colonne sonore di videogiochi più famose al mondo. Il risultato è davvero incredibile…

Supermario Bros. su una calcolatrice grafica Texas Instruments

Questo gioco non ha certo bisogno di presentazioni, tanto è riuscito a penetrare nell’immaginario dei videogamers più incalliti: sempre a proposito di SuperMario (l’originale primo episodio su NES in particolare, per quanto non si tratti del primo in assoluto) in questo caso possiamo ammirare colori e grafica del videogame originale in funzione sulla mitica TI-83 Plus della Texas Instruments (fonte).

Street Fighter II su un Commodore 64

Nessuno avrebbe nulla da dire sul mitico C64 e sulla sua capacità di proporre giochi straordinari – nonostante quelle misere, viste oggi, sole 64 K di RAM; eppure il porting di Street Fighter II, un gioco cult noto per giocabilità e fluidità, lascia un po’ perplessi a livello di resa grafica, ma è comunque degno di nota per essere riusciti a riproporre il feeling di questo gioco su una macchina che difficilmente sembrerebbe permetterlo. Un’emulazione decisamente al limite che potete godervi qui di seguito.

Price of persia su una calcolatrice grafica TI-89

A quanto pare i videogame per calcolatrice grafica sono abbastanza diffusi, per quanto si potrebbe discutere sulla effettiva loro utilità: del resto la passione per il retrogame non è che pura arte, per cui nessuna meraviglia: ammirare e basta, se possibile.

Quake su un oscilloscopio

Questo informatico è riuscito a far funzionare il primo livello di Quake su un oscilloscopio Hitachi V-422: il risultato è davvero spettacolare, e ricorda le grafiche del film Tron.

Doom su un termostato

Doom è uno di quei giochi che hanno funzionato un po’ dovunque, da una calcolatrice TI-83 fino ad un ATM come abbiamo visto: in generale è una nota fissazione da nerd riuscire a farlo girare (e spesso ci si riesce) sugli hardware più assurdi e meno adatti allo scopo. Questo informatico è riuscito a farlo, in modo molto originale, su un termostato di marca Honeywell Prestige, mediante una versione di Cocholate Doom (il sorgente è open source ed è qui qui).

Avventure grafiche su Android

Questo è proprio un classico dell’emulazione: ScummVM per Android, ad esempio, permette di emulare sui nostri telefoni e tablet i videogame della LucasArts come Monkey Island.

 

0 voti


Informazioni sull'autore

Salvatore Capolupo

Consulente SEO, ingegnere informatico e fondatore di Trovalost.it, Pagare.online, Lipercubo.it e tanti altri. Di solito passo inosservato e non ne approfitto.