Come validare il markup HTML di un sito

Come validare il markup HTML di un sito

Per validare l’HTML di un sito ci sono delle cose che è necessario specificare.

  1. Non ha senso parlare di “codice HTML”, per cui non bisogna vedere la validazione come un controllo sulla correttezza del “codice” (HTML non esegue comandi, al contrario di PHP o ASP), quanto (più correttamente) di una verifica sulla correttezza sintattica del markup.
  2. la validazione non riguarda, se non indirettamente, l’aspetto grafico delle pagine;
  3. la validazione stabilisce se il markup della pagina è ben formattato o meno;
  4. la validazione non influisce sul tasso di conversione della pagina, sul numero di visite o sulla sua percezione (buona o cattiva che sia) da parte degli utenti;
  5. la validazione è piuttosto rigida, ed è abbastanza raro che una pagina web sia ben validata secondo i criteri del W3C;
  6. i criteri del W3C che stabiliscono la validazione sono tanto rigidi quanto orientativi, e per certi versi non è neanche necessario adattarvicisi al 10%;
  7. la validazione non viene effettuata da Google, e non ha nulla a che vedere con ranking ed indicizzazione, se non indirettamente.

Come effettuare la validazione del markup HTML di un sito?

Per validare il vostro sito andate su validator.w3.org, inserite l’indirizzo del vostro sito web (la home ed eventualmente altre pagine) e verificate che non ci siano errori e, eventualmente, warning. Correggete le righe indicate finchè non ci saranno più segnalazioni.

Photo by The U.S. National Archives

Ti piace questo articolo?

0 voti

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.