Il meme di Pablo Escobar: l’umanizzazione di un antieroe

I meme sono parte integrante della cultura social, ne rappresentano il lato più ironico e pungente e sono utilizzati per sottolineare i lati paradossali della vita dei singoli individui e della società tutta. Sebbene il termine “meme” sia stato coniato nel 1976 (quindi ben prima della nascita dell’era dell’informatica) in ambito bio-evoluzionista dal biologo e divulgatore scientifico Richard Dawkins, per indicare le unità base dell’evoluzione culturale che si diffondono per imitiazione, con l’avvento dei social media il concetto è stato preso in prestito dagli utenti di internet per creare immagini topiche e caratteristiche cui associare fenomeni paradossali, contraddittori o palesemente assurdi – particolarmente ricorrenti sia sui social che sui media classici – di cui prendersi gioco. Ecco quindi che anche la figura di uno dei più pericolosi criminali del secolo scorso, Pablo Escobar, è stata adattata e ridicolizzata in contesti ironici divenendo un popolarissimo meme.

Il meme di Pablo Escobar.

Il più famoso dei tanti meme costruiti attorno al personaggio di Pablo Escobar è composto da tre fotogrammi estratti dalla nota serie TV “Narcos”, prodotta tra il 2015 e il 2017 da Netflix, e mostra altrettanti momenti in cui l’attore che interpreta il noto narcotrafficante (Wagner Moura) appare in una umanissima posa di attesa, con sguardo vacuo, accigliato e pensieroso. Il fotogramma in alto rappresenta Escobar seduto su una panchina a fissare il vuoto, quello in basso a sinistra lo immortala seduto a tavola mentre guarda un piatto vuoto e il terzo – in basso a destra – mentre è in piedi, intento a fissare un punto imprecisato di fronte a lui con le mani incrociate dietro la schiena.

Il successo del meme – ribattezzato Sad Pablo Escobar (Pablo Escobar Triste) – risiede nel fatto che, seppur il soggetto rappresentato sia uno dei peggiori criminali della storia recente, nei fotogrammi utilizzati per realizzarlo, Escobar appare come una figura profondamente umanizzata e quindi spoliata dagli atteggiamenti da gradasso e sopra le righe tipici del suo personaggio reale come di quello di gran parte dei boss della malavita, in pose che chiunque si trova più o meno consapevolmente a vestire in determinati momenti della sua vita. L’anonimo creatore del meme – che ha fatto la sua comparsa sui social (soprattutto Facebook) l’8 ottobre del 2016 – ha avuto il talento e l’intuizione di capire che il contrasto generato dalla figura di un “criminale umanizzato” associata ad una situazione paradossale o assurda che chiunque può vivere quando si trova in un momento di attesa, profonda riflessione o scoramento, avrebbe avuto un esito esilarante capace di far diffondere a dismisura la sua “creatura”.

Galleria di meme su Pablo Escobar.

Di seguito vi proponiamo alcuni meme in italiano realizzati con le foto di Escobar trovati sui social:

Più forza al business con gli SMS

L'SMS MARKETING può far decollare la tua attività.
Sperimentalo gratis con Skebby. 10 SMS omaggio!

www.skebby.it

SMS Marketing - Skebby

Invia SMS pubblicitari a basso costo - I primi 10 invii sono GRATIS!

Registrati su Skebby

Sulla scia del successo del meme ha preso vita una infinita serie di altri post ironici con soggetto Pablo Escobar di cui sono state estrapolate altre foto, sia dalla serie TV Narcos che da immagini reali del narcotrafficante reperite online, e ricontestualizzate negli aspetti più disparati:

(Tutte le immagini sopra riportate sono state estratte dai social).

5/5 (3)

Che te ne pare?

Grazie per aver letto Il meme di Pablo Escobar: l’umanizzazione di un antieroe di Saverio Chiodo su Trovalost.it
Il meme di Pablo Escobar: l’umanizzazione di un antieroe (News, Fuori dalle righe)

Articoli più letti su questi argomenti:
Trovalost.it è gestito, mantenuto, ideato e (in gran parte) scritto da Salvatore Capolupo