Seguici su Telegram, ne vale la pena ❤️ ➡ @trovalost
Vai al contenuto

User friendly: significato e contesto

“User-friendly” è un termine inglese che significa “amico dell’utente” o “facile da usare” quando si fa riferimento a prodotti, servizi, software o qualsiasi altra cosa che è stata progettata per essere intuitiva e accessibile agli utenti, anche a quelli meno esperti. Viene spesso associata al concetto di usabilità, per quanto quest’ultimo concetto sia molto più generale. User friendly riguarda, nello specifico, un aspetto ben delineato che si incentra essenzialmente sulla facilità (o meno) con cui l’utente riesce ad usare un servizio, un’interfaccia o qualsiasi altro servizio digitale.

Che vuol dire user friendly?

Poniamo, per fare un esempio pratico, di assemblare un distributore automatico di benzina, il quale dovrà funzionare sulla base di bottoni semplici ed essenziali, in modo tale tale che possa essere utilizzato universalmente anche in assenza di un benzinaio umano. Il distributore avrà un numero fisso di pompe da cui i clienti potranno servirsi (ad esempio N=4) ognuna sarà distinta da un numero diverso. Un primo problema di usabilità potrebbe essere l’identificazione delle pompe corrette: se ne scelgo una e poi non mi rendo conto di essere andato ad un’altra, creo un problema all’utente che nella peggiore delle ipotesi potrebbe andarsene a fare benzina altro. Un secondo problema di usabilità è capire se uno debba pagare prima o dopo il servizio: se paga dopo, infatti, potrebbe andarsene dopo aver fatto benzina, per cui deve pagare prima e questa cosa va premessa con apposito messaggio (per intenderci “Inserire il denaro e poi selezionare la pompa desiderata“).  In questo, la progettazione dell’interfaccia touch deve seguire il principio dell’essenzialità (non devo avere più opzioni di quelle necessarie), dell’usabilità (i bottoni devono essere colorati in modo chiari, ed essere utilizzabili anche da chi ha problemi nell’uso delle dita oppure, più comunemente, non vede bene da vicino) e via dicendo.

Un prodotto o un’interfaccia utente “user-friendly” è progettato in modo da essere comprensibile e utilizzabile senza eccessiva difficoltà da qualsiasi utente, a prescindere dalle sue effettive competenze tecnologiche. Questo significa che dovrebbe essere ben organizzato, con istruzioni chiare, menu intuitivi e una struttura logica in modo che gli utenti possano sfruttarne le funzionalità senza dover affrontare complesse curve di apprendimento. L’obiettivo principale di un approccio “user-friendly” è rendere l’esperienza dell’utente il più piacevole, efficiente e senza problemi possibile. Quanto detto per la pompa di benzina si applica, ovviamente, ai campi più diversi.

Un’interfaccia utente user-friendly cerca di semplificare l’esperienza dell’acquirente e di rendere la navigazione e l’acquisto il più intuitivo possibile. D’altra parte, un’interfaccia utente non user-friendly può causare frustrazione, abbandono del carrello e una diminuzione delle conversioni.

Ecco alcuni esempi di caratteristiche di interfaccia utente user-friendly e non user-friendly per un sito di e-commerce:

Interfaccia Utente User-Friendly

  1. Navigazione chiara: Un menu di navigazione ben strutturato con categorie e sottocategorie evidenzia i prodotti in modo chiaro. Ad esempio, “Abbigliamento” con sottocategorie come “Uomo,” “Donna,” e “Bambino.”
  2. Barra di ricerca efficace: Una barra di ricerca che offre suggerimenti basati su parole chiave, corregge gli errori ortografici e mostra risultati pertinenti.
  3. Immagine dei prodotti di alta qualità: Immagini chiare e di alta risoluzione che consentono agli utenti di visualizzare il prodotto da diverse angolazioni.
  4. Recensioni e valutazioni: Mostrare valutazioni e recensioni di prodotti da parte di altri clienti per aiutare gli acquirenti a prendere decisioni informate.
  5. Carrello accessibile: Un carrello facilmente accessibile in cui gli utenti possono vedere il contenuto e modificarlo in qualsiasi momento durante lo shopping.

Interfaccia Utente Poco User-Friendly

  1. Menu confuso: Un menu di navigazione disorganizzato o sovraccarico di opzioni, rendendo difficile la ricerca di prodotti specifici.
  2. Barra di ricerca inefficace: Una barra di ricerca che non offre suggerimenti e restituisce risultati irrelevanti o non corretti per le ricerche degli utenti.
  3. Immagini di bassa qualità: Immagini dei prodotti di scarsa qualità o con angoli poco chiari, impedendo agli utenti di avere una buona idea del prodotto.
  4. Mancanza di recensioni: L’assenza di recensioni e valutazioni dei prodotti può rendere difficile la scelta per gli acquirenti.
  5. Carrello nascosto: Un carrello che non è facilmente accessibile o che non consente la modifica degli articoli può essere frustrante per gli utenti.

👇 Da non perdere 👇



Questo sito esiste da 4522 giorni (12 anni), e contiene ad oggi 4039 articoli (circa 3.231.200 parole in tutto) e 16 servizi online gratuiti. – Leggi un altro articolo a caso
Non ha ancora votato nessuno.

Ti sembra utile o interessante? Vota e fammelo sapere.

Questo sito contribuisce alla audience di sè stesso.
Il nostro network informativo: Lipercubo - Pagare online (il blog) - Trovalost.it