Come cifrare un telefono Android Per crittografare i dati del vostro telefono e preservarli da occhi indiscreti potete seguire le indicazioni di questo tutorial.

<span class="entry-title-primary">Come cifrare un telefono Android</span> <span class="entry-subtitle">Per crittografare i dati del vostro telefono e preservarli da occhi indiscreti potete seguire le indicazioni di questo tutorial.</span>
Come scritto in un precedente articolo nelle recenti versioni di Android L è attivata la cifratura dei dati di default, e questo per ragioni di privacy e protezione dei propri dati che ognuno di noi, in effetti, dovrebbe valutare con grande attenzione. Nelle versioni precedente la crittografia dei dati del telefono deve essere abilitata manualmente seguendo la seguente procedura.

Cosa vuol dire criptare i dati di Android?

Per chi non fosse familiare con la terminologia, diciamo subito che crittografare (o criptare) i dati del telefono significa che, almeno prima vista, per leggere i dati del vostro telefono sarà necessario inserire una chiave di accesso imposta da voi. Per fare un esempio semplice, supponiamo che i dati siano semplicemente la stringa "123456" (dato in chiaro): chiunque riesca ad accedere al telefono potrà leggere questi dati in chiaro. Se pero' imponiamo una crittografia sul dato, tale stringa sarà memorizzata (tanto per fare un esempio facile) associando le lettere corrispondenti ai singoli numeri, quindi "ABCDEF" (dato crittografato).

Chiunque non sappia di questa associazione, di fatto, non potrà (in teoria) sapere o immaginare a cosa realmente corrisponde (anche che qui, in effetti, l'associazione è molto intuitiva: gli algoritmi di crittografia sono volutamente più complessi per questa ragione): per complicare e rendere leggermente più realistico l'esempio, possiamo pensare di associare alla stringa in chiaro un PIN privato che conosciamo soltanto noi (ad esempio 1425), e associarlo alla stringa originale con lo stesso criterio di prima: la crittografia imporrebbe quindi di memorizzare il dato come ABCDEF1425, e questo rende leggermente più complesso immaginare come quella rappresentazione originale sia stata effettuata. In teoria, almeno, chiunque non sappia dell'esistenza della chiave 1425 non potrà mai risalire, se non dopo numerosi tentativi, al dato originale. L'esempio è volutamente semplificato, ovviamente, ma dovrebbe rendere l'idea. Tenete conto che, come inevitabile tradeoff, le prestazioni del vostro telefono saranno leggermente degradate per permettere al telefono di funzionare. Ricordatevi inoltre di crittografare sempre con il telefono attaccato alla presa, altrimenti rischierete di danneggiare il telefono.

Crittografare Android è fortemente consigliato per tutti gli utenti, l'operazione è abbastanza semplice a partire da Android versione 2.3 ma, è bene sapere, è altrettanto delicata: se dimenticassimo il PIN non riusciremmo più ad avere accesso al nostro telefono. Quindi procedete con grande attenzione e fate sempre una prova per iniziare per prendere familiarità col processo, per la prima volta magari segnandovi il PIN di prova che utilizzerete. Se un giorno dovessero rubarvi il telefono, comunque, il ladro non potrà accedere ai vostri dati riservati come i file che avete salvato sul telefono, le foto e (sotto opportune condizioni) SMS e rubrica.

Ricordiamo prima di iniziare che:

  1. sarà necessario impostare un PIN personalizzato difficile da indovinare, ma facile da ricordare per voi;
  2. caricare al 100% la batteria dello smartphone;
  3. collegare il telefono alla corrente;
  4. prevedere almeno un'ora per la procedura completa di crittografia.

Per eseguire la crittografia di Android andate su Impostazioni e poi su Sicurezza: troverete una scheramata simile a questa, dalla quale andrete a cliccare sull'opzione "Esegui crittografia telefono". In alcuni telefoni e tablet, inoltre, l'opzione di crittografia è raggiungibile come Impostazioni > Personali > Protezione > Crittografia > Esegui crittografia tablet o Esegui crittografia telefono. RIcordiamo che tale operazione avrà effetto su account Google, dati delle applicazioni, musica e altri contenuti multimediali, informazioni scaricate e via dicendo.

Di seguito due screenshot esplicative.

Screenshot_2014-10-26-22-26-06 Screenshot_2014-10-26-22-26-26

Ti piace questo articolo?

1 voto

Su Trovalost.it puntiamo sulla qualità dei contenuti da quando siamo nati: la tua sincera valutazione può aiutarci a migliorare ogni giorno.

Come cifrare un telefono Android

Votato 10 / 10, da 1 utenti

Ti potrebbero interessare ( Guide informatica e varie ) ...